Lavoratori fragili, auto-sorveglianza e positività

Aggiornato al 23 settembre 2022: proroga disposizioni lavoratori fragili 

Lavoratori fragili

È prorogata al 31 dicembre 2022 la possibilità per i lavoratori fragili di svolgere di norma la prestazione lavorativa in modalità agile.

Il lavoratore deve essere in possesso di certificazione rilasciata dai competenti organi medico-legali attestante una condizione di rischio derivante da:

  • immunodepressione
  • esiti da patologie oncologiche
  • svolgimento di terapie salvavita.

Sono inclusi i lavoratori in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità ai sensi dell’art. 3, comma 3, L. 104/1992.

Il lavoratore fragile potrà svolgere l’attività in modalità agile anche attraverso l’adibizione a diversa mansione ricompresa nella medesima categoria o area di inquadramento, o lo svolgimento di specifiche attività di formazione professionale anche da remoto.

La documentazione attestante lo stato di fragilità deve essere inviata alla mail segnalazionemalattia@unimi.it.

Il dipendente deve concordare con il proprio responsabile le attività da svolgere.

Inizio pagina

Auto-sorveglianza per contatto stretto con positivo

Dal 1° aprile in caso di contatto stretto con soggetto risultato positivo al COVID_19 è applicato il regime dell’auto-sorveglianza, consistente nell’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2, al chiuso o in presenza di assembramenti, fino al decimo giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto.

Se durante il periodo di auto-sorveglianza si manifestano sintomi suggestivi di possibile infezione da Sars-Cov-2, è raccomandata l’esecuzione immediata di un test antigenico o molecolare per la rilevazione di SARS-CoV-2 che in caso di risultato negativo va ripetuto, se ancora sono presenti sintomi, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto.

Inizio pagina

Positivo a COVID-19

In caso di positività al COVID-19, contattare il proprio medico curante per la verifica del proprio stato di salute e l’emissione del certificato medico per malattia.

Lasciare la comunicazione alla casella di posta segnalazionemalattia@unimi.it e avvisare la propria struttura per la verifica della tracciabilità e la comunicazione del periodo di assenza.

Al termine del periodo di isolamento previsto a seguito di positività accertata, il soggetto potrà rientrare in Ateneo, previo invio per conoscenza dell’esito dell’accertamento al coordinatore dei medici competenti di Ateneo Dott.ssa Maria Grazia Ricci e-mail: lorenzo.bordini@policlinico.mi.it 

Per ulteriori informazioni scrivere a segnalazionemalattia@unimi.it

Inizio pagina