Emergenza Coronavirus: tutte le informazioni per il personale

Provvedimenti emergenza Covid-19

Aggiornato al 12 ottobre 2021: circolare d'Ateneo sulle modalità di verifica del Green pass dopo la legge n. 133 del 23 settembre 2021; 18 ottobre: Domande Frequenti - FAQ Green Pass

Normativa

Decreti, leggi, note operative e comunicazioni sull'emergenza Coronavirus sono disponibili sul portale di Ateneo.

Didattica online

I docenti trovano indicazioni, guide e template per produrre materiale didattico digitale alla pagina dedicata del sito del CTU.

Modalità di verifica del Green pass dal 15 ottobre 2021

A partire dal 15 ottobre 2021 tutti i dipendenti dell'Ateneo devono possedere il Green pass, in applicazione della legge n. 133 del 23 settembre 2021.

Il controllo sulla validità del Green pass verrà effettuato automaticamente, con un sistema di verifica del QR Code in abbinato alla nuova tessera “Carta La Statale" secondo le modalità illustrate nella Circolare d'Ateneo "modalità di verifica del Green pass dopo la legge n. 133 del 23 settembre 2021".

L’assenza dal servizio per il mancato possesso del Green pass, sarà considerata ingiustificata.

Le indicazioni tecnico-operative sono contenute nella guida Timbratura e verifica Green Pass.

Ulteriori informazioni sono contenute nelle linee guida Funzione Pubblica-salute per la verifica del possesso della Certificazione Verde e nelle linee guida ministeriali.

Nella fase transitoria di installazione graduale dei nuovi lettori ottici in tutte le sedi, sarà possibile continuare a utilizzare l’attuale sistema di verifica del Green pass, come previsto dalla Circolare organizzativa dell’Ateneo del 30 agosto 2021.

Disponibili inoltre le nuove Domande Frequenti - FAQ Green Pass (aggiornate al 5 novembre 2021)

Inizio pagina

Accesso in Ateneo con Green pass

Dal 1 settembre al 31 dicembre 2021 (temine attuale di cessazione dello stato di emergenza) è richiesto obbligatoriamente il possesso del Green pass (Certificazione verde Covid-19), con obbligo di esibizione se richiesto, per l’accesso a tutti gli spazi chiusi dell’Ateneo - settori didattici, aule, laboratori, sale studio, biblioteche e sale consultazione testi, uffici amministrativi, mense e bar, sale piccola ristorazione, librerie interne, residenze.

Permangono:

  • l'obbligo dell'utilizzo di mascherine protettive
  • il divieto di entrare nelle strutture se la temperatura corporea è superiore 37,5° e in presenza di sintomatologia respiratoria
  • l'obbligo di mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

Restano accessibili senza Green pass solo gli spazi all’aperto.

Con il decreto decreto legge n. 111 del 6 agosto 2021, il Governo ha integrato infatti le norme di sicurezza e di tutela della salute pubblica con l’obbligo di possedere ed esibire su richiesta il Green pass per:

  • tutto il personale universitario, sia docente sia tecnico amministrativo e bibliotecario compresi i professori a contratto
  • tutti gli studenti/studentesse, compresi dottorandi/e, specializzandi/e, assegnisti/e, borsisti/e, tirocinanti, tesisti/e, laureati/e frequentatori/trici.

Fino al 30 novembre 2021 sono esonerati dal possesso del Green pass i soggetti esenti dalla campagna vaccinale, in possesso di idonea certificazione medica e secondo quanto previsto dalla circolare del Ministero della Salute del 4 agosto 2021 e del 25 settembre 2021.

Inizio pagina

Come si ottiene il Green pass

Il Green pass viene rilasciato, con termine di validità differente, se si è:

  • vaccinati 
  • essere risultati negativi a un tampone molecolare nelle ultime 72 ore o antigenico rapido nelle 48 ore precedenti
  • guariti dal Covid-19 negli ultimi sei mesi.

Per informazioni di dettaglio vedere la pagina del sito governativo Certificazione verde COVID-19

I tamponi sono validi solo se effettuati nelle farmacie che hanno aderito al Protocollo d’intesa tra il Ministero della Salute, il Commissario Straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’Emergenza Epidemiologica Covid 19, Federfarma, Assofarm e FarmacieUnite.

Inizio pagina

Obbligo di Green pass

Il decreto legge n. 111 del 6 agosto 2021, prevede per mancato possesso ed esibizione della certificazione verde covid-19 che “….il personale scolastico e universitario è considerato assente ingiustificato e a decorrere dal quinto giorno di assenza, il rapporto di lavoro è sospeso e non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominato”.

Il personale universitarioanche a contratto - che alla data dell’1 Settembre prossimo non risulti in possesso del Green pass non potrà in alcun modo svolgere in presenza la propria attività lavorativa.

Senza il possesso del Green pass, così come la mancata esibizione della certificazione se richiesto, costituisce violazione di legge e comporta sanzioni sia per il soggetto interessato sia per l’Ente stesso. Il possesso e/o l’esibizione di certificazioni false o riferibili ad altre persone costituiscono reato penale e comportano per l’Amministrazione, inevitabilmente, l’obbligo di denuncia alle Autorità competenti e l’adozione dei conseguenti provvedimenti di legge.

Lo svolgimento di attività a distanza (didattica, seminari, incontri, altre attività formative a distanza, telelavoro e smart working), se autorizzato, non richiede l’obbligo di possesso del Green pass, nel rispetto di quanto previsto dalla Determina del Direttore Generale del 28 luglio 2021.

Il dipendente che a partire dall’ 1 Settembre non si presenti in servizio per lo svolgimento di attività in presenza, perché sprovvisto di Green pass, sarà considerato assente ingiustificato, salvo non sia stato preventivamente autorizzato dal responsabile a svolgere la propria attività da remoto, o abbia giustificato la propria assenza con altro idoneo istituto contrattuale. Ai sensi di legge, a decorrere dal quinto giorno di assenza il rapporto di lavoro sarà sospeso e non saranno dovuti né la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominato.

Inizio pagina

Controllo del Green pass: accesso alla procedura

Con la Circolare organizzativa del 30 agosto 2021 l’Ateneo richiede entro il 1 settembre e in ogni caso, prima del rientro alle attività lavorative in presenza, a tutto il personale universitario (docenti, personale TAB, collaboratori linguistici e professori a contratto), l’autocertificazione online del possesso del Green pass, attraverso la procedura disponibile sulla piattaforma spoc.unimi.

Prima di accedere alla procedura consultare il manuale d’uso in modo da avere pronti tutti i dati richiesti.

Vai alla procedura di autocertificazione

Tale procedura consentirà all’Amministrazione di acquisire tutte le autocertificazioni e procedere, se necessario, alle opportune verifiche, nel rispetto della normativa in materia di privacy e trattamento dei dati personali.

La mancata compilazione del modulo, la non veridicità di quanto dichiarato o il mancato possesso del Green pass, se non motivato dall’esenzione, comporteranno inevitabilmente da parte dell’Amministrazione l’assunzione di tutti i relativi provvedimenti, finalizzati alla regolazione del rapporto di lavoro in ottemperanza agli obblighi di legge.

Si rimane in attesa della possibilità di utilizzare la piattaforma nazionale di controllo che verrà messa a disposizione dal MUR.

Inizio pagina

Mobilità Sostenibile

Agevolazioni

Per facilitare le nuove dinamiche di mobilità nel percorso casa – lavoro, si ricorda che l’Ateneo dispone di un pacchetto di convenzioni per sconti, per servizi di Bike Sharing e Scooter Sharing e per l’acquisto scontato di biciclette, anche a pedalata assistita e cargobike.

Ulteriori informazioni nella Sezione Mobilità sostenibile.

Mezzi pubblici area metropolitana

Tutte le informazioni e le istruzioni da rispettare per muoversi sui mezzi pubblici dell’area metropolitana di Milano sono disponibili sul portale di ATM e nella sezione comunicati stampa di Trenord.

Le ore meno frequentate per viaggiare in metropolitana: disponibile un nuovo servizio ATM per sapere in quali ore della giornata le stazioni della metropolitana di interesse sono meno frequentate.

Comune di Milano: Area B, C, sosta sulle strisce gialle e blu, di nuove attive

Di nuovo attiva Area B e Area C con i consueti orari dalle 7:30 alle 19:30.

Rinviati alcuni divieti di accesso in Area C: fino al termine dell'emergenza sanitaria accesso consentito nella ZTL ai veicoli trasporto persona:

  • Euro 2 benzina
  • Euro 3
  • Euro 4 diesel con FAP di serie
  • da Euro 0 a 4 diesel con FAP after market
  • Euro 5 diesel.

Maggiori informazioni sul sito del Comune di Milano.

Ripristinata la sosta a pagamento sulle strisce blu e quella riservata ai residenti sulle strisce gialle e il divieto di sosta per la pulizia delle strade.

Disdetta Abbonamenti

Per interrompere un abbonamento in corso, compilare la modulistica reperibile nelle sezioni:

Rinuncia e termine del rapporto di lavoro - ATM – STIBM
Rinuncia e termine dell'abbonamento - TRENORD

 

Inizio pagina

Chiusure in Caso di Covid-19 e modalità di gestione dei casi accertati

Nel caso in cui all’interno delle strutture dovessero verificarsi casi accertati di positività al Covid-19, la chiusura degli ambienti interessati dal contagio avverrà per il solo tempo occorrente alla sanificazione dei locali. Non si procederà a chiusure totali prolungate e ad interruzioni dei servizi.

La procedura per la gestione dei casi accertati di positività al Covid-19, per la segnalazione all’ATS di riferimento da parte dell’Ateneo, prevede la tracciabilità dei contatti stretti del soggetto risultato positivo al Covid-19, secondo il seguente iter:

  1. l’individuazione delle persone risultate positive
  2. il reperimento dei nominativi che hanno avuto “contatti stretti” con il soggetto risultato positivo

Per “contatto stretto”, s’intende:

  • una persona che vive nella stessa casa di un caso di COVID-19
  • una persona che ha avuto un contatto fisico diretto con un caso di COVID-19 (es. stretta di mano)
  • una persona che ha avuto un contatto diretto non protetto con le secrezioni di un caso di COVID19 (es. toccare a mani nude fazzoletti di carta usati)
  • una persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso di COVID- 19, a distanza minore di 2 metri e di durata maggiore di 15 minuti (senza mascherina)
  • una persona che si è trovata in un ambiente chiuso (es. aula, sala riunioni, sala d’attesa, veicolo) con un caso di COVID-19 per almeno 15 minuti a distanza minore di 2 metri (senza mascherina).

La ricerca deve essere svolta solo ed esclusivamente nei confronti del personale che ha eventualmente avuto contatti stretti con il soggetto positivo.

Le informazioni di cui sopra devono essere trasmesse, attraverso l’apposito modulo dal responsabile di struttura al Referente Covid d’Ateneo, Ing. Giovannino Messina: giovannino.messina@unimi.it o sportello.salutesicurezza@unimi.it

Una volta ricevuto il file, il referente Covid d’Ateneo provvederà ad inoltrare all’ATS quanto pervenuto.

I locali in cui il soggetto positivo ha soggiornato, saranno soggetti a sanificazione. Se non già avvenuta, dovrà essere richiesta dalla struttura interessata alla Direzione Servizi Patrimoniali e Assicurativi, nella persona del Dott. Giorgio Perego:  servizio.pulizie@unimi.it o sportello.immobili.patrimonio@unimi.it

Per ulteriori informazioni consulta il Vademecum per la gestione dei casi Covid-19

Inizio pagina

Attività formative facoltative del personale

Chi sta frequentando anche uno solo dei corsi facoltativi proposti per questo periodo di emergenza dall'Ufficio Formazione, deve presentare, in aggiunta al modulo di rendicontazione per il lavoro agile, anche il modulo per la relazione settimanale delle attività formative svolte da remoto. 

Il modulo non prevede necessariamente la firma e va presentato al proprio responsabile e per conoscenza a formazione@unimi.it

Tutti i dettagli sulle pagine dedicate alla formazione.

Modulo formazione

Attività formativa Lavoro Agile

Inizio pagina