Emergenza Coronavirus: tutte le informazioni per il personale

Provvedimenti emergenza Covid-19

Aggiornato al 10 gennaio 2022:  Circolare operativa sui nuovi provvedimenti di legge; 21 gennaio 2022: Circolare operativa sui nuovi provvedimenti COVID-19 – obbligo vaccinale e quarantene

Disponibile la circolare operativa n. 10/22 del 21 gennaio 2022 sui nuovi provvedimenti COVID-19 – obbligo vaccinale e quarantene, contenente le informazioni necessarie per la corretta gestione del rapporto di lavoro.

Normativa

Decreti, leggi, note operative e comunicazioni sull'emergenza Coronavirus sono disponibili sul portale di Ateneo.

Didattica online

I docenti trovano indicazioni, guide e template per produrre materiale didattico digitale alla pagina dedicata del sito del CTU.

Obbligo vaccinale dal 1° febbraio

Dal 1° febbraio 2022 e fino al 15 giugno 2022, la vaccinazione costituisce requisito essenziale per lo svolgimento delle attività lavorative, sia che siano rese in presenza sia che siano rese in modalità da remoto (smart working – telelavoro). 

Con emanazione del Decreto Legge n. 1 del 7 gennaio 2022 “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza COVID-19, in particolare nei luoghi di lavoro, nelle scuole e negli istituti della formazione superiore”, l’obbligo vaccinale, già previsto per le scuole e gli istituti di formazione superiore, è stato esteso anche al personale delle Università.

L’obbligo vaccinale si applica a tutto il personale universitario, incluso quello assente dal servizio per legittimi motivi, ad esclusione del personale il cui rapporto risulti sospeso perché fruisce di aspettative o congedi che comportano l’astensione piena e continuativa delle attività lavorative (per motivi di assistenza e/o cura di familiare o per motivi personali).

Chi non avesse ancora effettuato il ciclo vaccinale, intendendosi con ciò neanche la prima dose, deve effettuarla entro il 31 gennaio per ottenere un Green Pass rafforzato valido a partire dal 15 febbraio. Il Green Pass rafforzato viene rilasciato per vaccinazione o guarigione e non include l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare, viene rilasciato subito dopo la prima dose ma è attivato il quindicesimo giorno successivo alla somministrazione.

L’obbligo vaccinale riguarda il personale docente e ricercatore, il personale tecnico amministrativo e bibliotecario, i collaboratori linguistici, i professori a contratto.

Chi, alla data del 1° febbraio 2022, non dovesse risultare in regola con l’obbligo vaccinale, entro cinque giorni dalla ricezione della richiesta di verifica dell’osservanza dell’obbligo vaccinale da parte della Direzione Trattamenti Economici e Lavoro Autonomo, deve presentare in alternativa, inviandola all’indirizzo mail segnalazionemalattia@unimi.it:

  • la documentazione comprovante l'effettuazione della vaccinazione
  • l'attestazione relativa all'omissione o al differimento della stessa in caso di esenzione
  • la presentazione della richiesta di vaccinazione, da eseguirsi entro un termine non superiore a venti giorni dalla ricezione dell'invito, o comunque l'insussistenza dei presupposti per l'obbligo vaccinale.

In caso di presentazione di documentazione attestante la richiesta di vaccinazione, l’interessato è invitato a trasmettere immediatamente e comunque non oltre tre giorni dalla somministrazione, la certificazione attestante l'adempimento all'obbligo vaccinale.

Nel lasso di tempo tra la somministrazione della prima dose di vaccino e il rilascio del Green pass rafforzato, il/la dipendente potrà prestare servizio in presenza ma dovrà trasmettere la copia del certificato vaccinale all’indirizzo mail segnalazionemalattia@unimi.it.

L'obbligo del super green pass non sussiste in caso di  accertato pericolo per la salute, in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale dell'assistito o dal medico vaccinatore, nel rispetto delle circolari del  Ministero della  salute  in  materia  di  esenzione  dalla  vaccinazione   anti SARS-CoV-2; in  tali  casi  la  vaccinazione  puo'  essere  omessa  o differita. L'infezione da SARS-CoV-2 determina il differimento  della vaccinazione fino alla prima data utile  prevista  sulla  base  delle circolari del Ministero della salute.

Per approfondire consulta le Circolari del Ministero della salute

prot. n° 35309-04/08/2021-DGPRE
prot. n° 35444-05/08/2021-DGPRE
prot. n° 43366-25/09/2021-DGPRE
prot. n° 53922-25/11/2021-DGPRE
prot. n° 59069-23/12/2021-DGPRE.

In caso di mancata presentazione della documentazione riguardante l’obbligo vaccinale sarà data immediata comunicazione scritta all'interessato. L'accertamento dell'inadempimento determina l'immediata sospensione dal diritto di svolgere l’attività lavorativa, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro. Per il periodo di sospensione, non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento. La sospensione è efficace fino alla comunicazione alla Direzione Trattamenti Economici e Lavoro Autonomo da parte dell'interessato dell'avvio o del successivo completamento del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della dose di richiamo, e comunque non oltre il 15 giugno 2022.

Permangono:

  • l'obbligo dell'utilizzo di mascherine protettive anche negli spazi aperti, non è richiesto alcun obbligo di utilizzo di mascherine FFP2, salvo che nelle biblioteche (per obbligo di legge, previsto dal decreto legge 24 dicembre 2021 n. 221), ma l’utilizzo di questi dispositivi di protezione negli ambienti al chiuso è consigliato
  • il divieto di entrare nelle strutture se la temperatura corporea è superiore 37,5° e in presenza di sintomatologia respiratoria
  • l'obbligo di mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
Inizio pagina

Modalità di verifica del Green pass

A partire dal 15 ottobre 2021 tutti i dipendenti dell'Ateneo devono possedere il Green pass, in applicazione della legge n. 133 del 23 settembre 2021.

Il controllo sulla validità del Green pass viene effettuato automaticamente, con un sistema di verifica del QR Code in abbinato alla nuova tessera “Carta La Statale" secondo le modalità illustrate nella Circolare d'Ateneo "modalità di verifica del Green pass dopo la legge n. 133 del 23 settembre 2021".

L’assenza dal servizio per il mancato possesso del Green pass, sarà considerata ingiustificata.

Le indicazioni tecnico-operative sono contenute nella guida Timbratura e verifica Green pass.

Ulteriori informazioni sono contenute nelle linee guida Funzione Pubblica-salute per la verifica del possesso della Certificazione Verde e nelle linee guida ministeriali.

Disponibili inoltre le Domande Frequenti - FAQ Green Pass (aggiornate al 5 novembre 2021)

Inizio pagina

Mobilità Sostenibile

Agevolazioni

Per facilitare le nuove dinamiche di mobilità nel percorso casa – lavoro, si ricorda che l’Ateneo dispone di un pacchetto di convenzioni per sconti, per servizi di Bike Sharing e Scooter Sharing e per l’acquisto scontato di biciclette, anche a pedalata assistita e cargobike.

Ulteriori informazioni nella Sezione Mobilità sostenibile.

Mezzi pubblici area metropolitana

Tutte le informazioni e le istruzioni da rispettare per muoversi sui mezzi pubblici dell’area metropolitana di Milano sono disponibili sul portale di ATM e nella sezione comunicati stampa di Trenord.

Le ore meno frequentate per viaggiare in metropolitana: disponibile un nuovo servizio ATM per sapere in quali ore della giornata le stazioni della metropolitana di interesse sono meno frequentate.

Comune di Milano: Area B, C, sosta sulle strisce gialle e blu, di nuove attive

Di nuovo attiva Area B e Area C con i consueti orari dalle 7:30 alle 19:30.

Rinviati alcuni divieti di accesso in Area C: fino al termine dell'emergenza sanitaria accesso consentito nella ZTL ai veicoli trasporto persona:

  • Euro 2 benzina
  • Euro 3
  • Euro 4 diesel con FAP di serie
  • da Euro 0 a 4 diesel con FAP after market
  • Euro 5 diesel.

Maggiori informazioni sul sito del Comune di Milano.

Ripristinata la sosta a pagamento sulle strisce blu e quella riservata ai residenti sulle strisce gialle e il divieto di sosta per la pulizia delle strade.

Disdetta Abbonamenti

Per interrompere un abbonamento in corso, compilare la modulistica reperibile nelle sezioni:

Rinuncia e termine del rapporto di lavoro - ATM – STIBM
Rinuncia e termine dell'abbonamento - TRENORD

 

Inizio pagina

Chiusure in Caso di Covid-19 e modalità di gestione dei casi accertati

Nel caso in cui all’interno delle strutture dovessero verificarsi casi accertati di positività al Covid-19, la chiusura degli ambienti interessati dal contagio avverrà per il solo tempo occorrente alla sanificazione dei locali. Non si procederà a chiusure totali prolungate e ad interruzioni dei servizi.

La procedura per la gestione dei casi accertati di positività al Covid-19, per la segnalazione all’ATS di riferimento da parte dell’Ateneo, prevede la tracciabilità dei contatti stretti del soggetto risultato positivo al Covid-19, secondo il seguente iter:

  1. l’individuazione delle persone risultate positive
  2. il reperimento dei nominativi che hanno avuto “contatti stretti” con il soggetto risultato positivo

Per “contatto stretto”, s’intende:

  • una persona che vive nella stessa casa di un caso di COVID-19
  • una persona che ha avuto un contatto fisico diretto con un caso di COVID-19 (es. stretta di mano)
  • una persona che ha avuto un contatto diretto non protetto con le secrezioni di un caso di COVID19 (es. toccare a mani nude fazzoletti di carta usati)
  • una persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso di COVID- 19, a distanza minore di 2 metri e di durata maggiore di 15 minuti (senza mascherina)
  • una persona che si è trovata in un ambiente chiuso (es. aula, sala riunioni, sala d’attesa, veicolo) con un caso di COVID-19 per almeno 15 minuti a distanza minore di 2 metri (senza mascherina).

La ricerca deve essere svolta solo ed esclusivamente nei confronti del personale che ha eventualmente avuto contatti stretti con il soggetto positivo.

Le informazioni di cui sopra devono essere trasmesse, attraverso l’apposito modulo dal responsabile di struttura al Referente Covid d’Ateneo, Ing. Giovannino Messina: giovannino.messina@unimi.it o sportello.salutesicurezza@unimi.it

Una volta ricevuto il file, il referente Covid d’Ateneo provvederà ad inoltrare all’ATS quanto pervenuto.

I locali in cui il soggetto positivo ha soggiornato, saranno soggetti a sanificazione. Se non già avvenuta, dovrà essere richiesta dalla struttura interessata alla Direzione Servizi Patrimoniali e Assicurativi, nella persona del Dott. Giorgio Perego:  servizio.pulizie@unimi.it o sportello.immobili.patrimonio@unimi.it

Per ulteriori informazioni consulta il Vademecum per la gestione dei casi Covid-19

Inizio pagina