Emergenza Coronavirus: tutte le informazioni per il personale

Collaboratori e consulenti

Consulenti e collaboratori

L’Università può conferire incarichi individuali, per esigenze cui non si può far fronte con personale in servizio, ad esperti di comprovata competenza per prestazioni di natura temporanea che corrispondano alle competenze attribuite dall’ordinamento all’amministrazione ed a obiettivi e progetti specifici e determinati, stabilendo preventivamente durata, luogo, oggetto e compenso della prestazione, secondo quanto stabilito dall'art 7 comma 6 del Decreto Legislativo n. 165/2001.

L’affidamento di incarichi ad esterni avviene a seguito di procedure comparative previo accertamento dell’impossibilità di soddisfare l’esigenza attraverso l’impiego di risorse umane già presenti all’interno dell’Ateneo (vai alla sezione Avvisi di conferimento interni).
Gli incarichi vengono conferiti con contratti di lavoro autonomo.

In questa sezione sono riportate le disposizioni regolamentari e le procedure da seguire per l'attribuzione di tali incarichi nonché la relativa modulistica.

Contatti:
Ufficio Incarichi e Collaborazioni Esterne
Settore Lavoro Autonomo
Direzione Trattamenti Economici e Lavoro Autonomo
Via S. Antonio 10/12
20122 Milano MI

Per informazioni e per avvio iter procedure per attribuzione incarichi tramite avvisi pubblici

lavoroautonomo@unimi.it 

Per la pubblicazione degli avvisi interni: avvisi.incarichi@unimi.it

Per la pubblicazione degli avvisi pubblici: pubcollab@unimi.it

Per invio frequenze, altra documentazione e informazioni: incarichi@unimi.it 

Per richiedere assistenza nell'utilizzo del Modulo Compensi - procedura U-Gov Cineca: CollaborazioniEsterne.Cineca@unimi.it

Consulta anche il  Regolamento per l’affidamento a terzi estranei all’Università di incarichi di carattere intellettuale

N.B: si rammenta che il  Codice di comportamento dei dipendenti dell'Università degli Studi di Milano e il Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell'articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 , si applicano, per quanto compatibile, anche ai collaboratori e consulenti dell'Ateneo.