Emergenza Coronavirus: tutte le informazioni per il personale

Assegno Unico e Universale per i figli (AUU)

In cosa consiste il nuovo Assegno Unico Universale 2021

Il nuovo Assegno Unico e Universale (AUU) per i figli a carico, istituito con il decreto legislativo n. 230 del 21 dicembre 2021, a decorrere dal 1° marzo 2022, costituisce un beneficio economico attribuito per il periodo compreso tra marzo di ciascun anno e febbraio dell’anno successivo, ai nuclei familiari sulla base della condizione economica del nucleo, in base all’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) .

L'AUU viene erogato mensilmente dall’INPS a tutti i nuclei familiari con figli di età inferiore a 21 anni che ne faranno richiesta. L’erogazione avviene tramite bonifico sul conto corrente dei genitori e spetta a tutti i nuclei familiari indipendentemente dalla condizione lavorativa dei genitori (non occupati, disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza, lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi e pensionati) e senza limiti di reddito.

L’AUU sostituisce detrazioni e assegni per il nucleo di conseguenza dal mese di marzo 2022 non verranno più erogati in busta paga gli assegni per il nucleo familiare e non saranno più riconosciute le detrazioni per figli a carico sotto i 21 anni.

Inizio pagina

Come richiedere l’AUU e a chi

Per percepire l’Assegno Unico è necessario presentare domanda all’INPS. Le domande, corredate o meno di ISEE, potranno essere presentate a partire dal 1° gennaio 2022 per avere l’accredito da marzo e, quindi, non avere una riduzione delle disponibilità economiche in quel mese.

Le domande possono essere presentate in qualunque momento dell’anno e, se accolte, danno diritto all’erogazione del beneficio fino al mese di febbraio dell’anno successivo. Tutte le domande presentate entro il 30 giugno di ciascun anno danno comunque diritto agli arretrati dal mese di marzo. Se la domanda verrà inoltrato successivamente al 30 giugno non si avrà diritto all’arretrato. La domanda va presentata all’INPS attraverso le seguenti modalità:

  • accedendo dal sito web dell'INPS al servizio “Assegno unico e universale per i figli a carico” con SPID almeno di livello 2, Carta di identità elettronica 3.0 (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS)
  • contattando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile, con la tariffa applicata dal gestore telefonico)
  • tramite enti di patronato, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Contenuto della domanda

La domanda richiede soltanto l’autocertificazione di alcune informazioni di base e che sono:

1) composizione del nucleo famigliare e numero di figli

2) luogo di residenza dei membri del nucleo famigliare

3) IBAN di uno o di entrambi i genitori.

La domanda può essere o meno accompagnata da ISEE aggiornato: la presentazione dell’ISEE è necessaria per ottenere un assegno pieno commisurato alla situazione economica della famiglia.

Nel caso di presentazione dell’ISEE, la richiesta di ISEE aggiornato sarà possibile dal 1°gennaio di ciascun anno.

In mancanza di ISEE, la domanda per l’AUU può essere presentata dal 1° gennaio 2022 e ciascun avente diritto riceverà l’importo minimo previsto.

Per approfondire consulta la nota Comunicazione congiunta del Ministro per la Pubblica Amministrazione e dell’Inps e la relativa informativa.

Inizio pagina

Assegno nucleo familiare (fino al 28 febbraio 2022)

L'assegno al nucleo familiare (ANF), istituito dalla Legge n. 153/1988è un sostegno per le famiglie dei lavoratori dipendenti, i cui nuclei familiari siano composti da più persone che abbiano redditi inferiori a quelli determinati ogni anno dalla Legge.

L'assegno compete in misura differenziata in rapporto al numero dei componenti ed al reddito del nucleo familiare, secondo tabelle annualmente rivalutate con la previsione di importi e fasce reddituali più favorevoli, per situazioni di particolare disagio (esempio: nuclei monoparentali o con componenti inabili).

L'importo dell'assegno è pubblicato annualmente dall'Inps in tabelle con validità dal 1° luglio di ogni anno al 30 giugno dell'anno seguente.

L’art. 1, comma 559 della Legge 311/2004 (Legge Finanziaria per l’anno 2005) e il DM del 4.4.2005, dispongono che l’assegno per il nucleo familiare può venire erogato direttamente al coniuge del dipendente qualora non sia titolare di un autonomo diritto di corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare, ossia che non abbia un rapporto di lavoro dipendente ovvero non sia titolare di pensione o di prestazione previdenziale derivante da lavoro dipendente, fermi restando i requisiti per il diritto all’assegno in capo al dipendente.

Ulteriori informazioni, sono reperibili nella Nota Informativa sull'Assegno al Nucleo e nella Nota per l’individuazione dei redditi ANF.

Inizio pagina

Richiesta dell'assegno per il nucleo familiare

UniEs è il servizio online che consente di presentare la domanda per assegno per il nucleo familiare e comunicare all'Ateneo la composizione della propria famiglia, indicando:

  • componenti del nucleo familiare anche non fiscalmente a carico
  • altre persone fiscalmente a carico
  • familiari per i quali si usufruisce del permesso della L. 104/1992.
Inizio pagina

Assegno al nucleo: Circolari - Modulistica - Tabelle

Assegno al nucleo: Circolari - Modulistica - Tabelle

Circolare Rep. 50/2021 del 22/06/2021 - assegno per il nucleo familiare 2021 - 1° luglio 2021 - 31 dicembre 2021

Circolare Rep. 73/2020 del 01/07/2020 - assegno per il nucleo familiare 2020-2021

Circolare Rep.21867/19 del 27/06/2019 - assegno per il nucleo familiare 2019-2020

Tabelle 2019/2020

Circolare n. 104 del 05/07/2017 - assegno per il nucleo familiare 2017-2018

Tabelle 2016/2017

Tabelle 2015/2016

Tabelle 2014/2015

Tabelle 2013/2014

Tabelle 2012/2013

Tabelle 2011/2012

Tabelle 2010/2011

Inizio pagina