Emergenza Coronavirus: tutte le informazioni per il personale

Telelavoro

Disciplina specifica del telelavoro

L’Ateneo promuove l’attivazione di progetti di telelavoro, nelle forme del:

  • telelavoro domiciliare, la cui prestazione viene eseguita dal personale presso l’abitazione indicata 
  • telelavoro satellitare, la cui prestazione viene eseguita dal personale presso sedi dell’Ateneo o di altri Enti convenzionati, individuati dall’Amministrazione e rispondenti ai requisiti di sicurezza e al principio di economicità.
Inizio pagina

Modalità di accesso al telelavoro domiciliare

L’attivazione del telelavoro può avvenire esclusivamente su istanza del personale, a seguito della partecipazione al bando biennale emanato dall’Amministrazione.

 I Piani di Telelavoro possono avere una durata minima di 6 mesi e massima di 24 mesi.

Il contingente massimo dei posti di telelavoro è determinato dalla disponibilità del budget stanziato.

Il personale interessato all’attivazione del telelavoro dovrà inoltrare la richiesta, seguendo le istruzioni fornite all’interno del bando.

L’Ateneo valuterà anche le istanze di telelavoro pervenute al di fuori dei termini del bando biennale, fino all’esaurimento del budget per il telelavoro domiciliare e del numero di postazioni per il telelavoro satellitare (quando attivato).

Inizio pagina

Graduatoria e requisiti per l’accesso

Le richieste di partecipazione al bando sono esaminate da una Commissione di Valutazione composta pariteticamente da rappresentanti dell’amministrazione e delle organizzazioni sindacali.

La Commissione valuta le richieste attribuendo un punteggio e definendo una graduatoria in base ai seguenti criteri:

1. dipendenti con patologie gravi che richiedono terapie salvavita e necessità debitamente documentate ovvero titolari dei benefici di cui all’art. 3 della legge 104/92:

  • titolari dei benefici di cui all’art. 3, comma 3 della legge 104/92: 5 punti
  • titolari dei benefici di cui all’art. 3, comma 1 della legge 104/92: 4 punti

2. assistenza a parenti o affini in situazione di gravità accertata ai sensi della legge 104/92:

  • residenti/domiciliati presso lo stesso nucleo famigliare e a condizione che il lavoratore sia l’unico a prestare assistenza: 5 punti
  • non residenti/domiciliati presso lo stesso nucleo famigliare e a condizione che il lavoratore sia l’unico a prestare assistenza: 3 punti

3. padri nei primi 6 mesi di nascita/inserimento in famiglia dei figli: 3 punti per ogni figlio.

I padri possono già fare domanda in anticipo prima del verificarsi dell'evento.

4. esigenze di cura e assistenza a figli minori:

  • genitore unico o affidatario esclusivo (fino ai 14 anni): 5 punti per ogni figlio
  • figli di età compresa tra i 0 e i 3 anni: 3 punti per ogni figlio
  • figli di età compresa tra i 4 e gli 8 anni: 2 punti per ogni figlio
  • figli di età compresa tra i 9 e i 14 anni: 1 punto per ogni figlio

5. stato di gravidanza: 6 punti

6.  maggiore distanza tra l’abitazione del personale richiedente rispetto alla sede di servizio tale da rendere disagevole il raggiungimento del posto di lavoro:

  • oltre 60 km: 5 punti
  • da 30 a 60 km: 2 punti
  • da 10 a 29 km:1 punto.

Il punteggio finale assegnato è determinato dalla sommatoria dei punti attribuiti per ciascun criterio di priorità.

A parità di punteggio totale sarà data precedenza a coloro che hanno ottenuto il punteggio più alto nel primo criterio di priorità e, a seguire, in base ai successivi criteri di priorità, seguendo l’ordine della numerazione progressiva.

A ulteriore parità di punteggio nel medesimo criterio, sarà data la priorità al dipendente con maggiore anzianità di servizio.

Non sussistono i requisiti per la concessione del telelavoro nel caso in cui non sia conseguito alcun punteggio.

Inizio pagina

Requisiti dell’abitazione

L’attività di telelavoro si svolgerà presso la propria abitazione o altro domicilio espressamente indicato dal dipendente.

Il locale riservato al telelavoro deve possedere i requisiti di abitabilità.

In particolare: altezza non inferiore a m. 2,70, finestre che garantiscono adeguato apporto di illuminazione e ventilazione naturali, assenza di segni di dissesto (crepe, fessure, distacchi murari, ecc.) o macchie di umidità.

Le caratteristiche della postazione di lavoro devono essere rispondenti a quelle previste dalla vigente normativa: altezza della scrivania da terra tra 70 e 80 cm, poltroncina tipo ufficio, con sedile e schienale imbottiti e regolabili, dotata di appoggio al pavimento su 5 razze (fisse o con ruote).

Deve essere presente una connessione permanente in modalità ADSL o fibra.

La Direzione Sicurezza, Sostenibilità e Ambiente e la Direzione ICT, provvedono ad accertare la conformità degli ambienti lavorativi e delle postazioni di telelavoro alle vigenti normative in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro e cybersecurity, anche con un eventuale sopraluogo, rilasciando successivamente i previsti Nullaosta.

Inizio pagina

Documentazione da presentare

E’ necessario presentare idonea documentazione (qualora non ancora in possesso dell’amministrazione) a supporto dei requisiti indicati come criteri di priorità e dei requisiti dell’abitazione.

A supporto dei criteri di priorità:

  • dipendenti con patologie gravi che richiedono terapie salvavita e necessità debitamente documentate ovvero titolari dei benefici di cui all’art. 3 della legge 104/92:
    • verbale di accertamento dell’handicap e/o eventuale documentazione medica
  • assistenza a parenti o affini in situazione di gravità accertata ai sensi della legge 104/92:
    • verbale di accertamento dell’handicap grave del familiare, autocertificazione di stato di famiglia se il familiare è residente/domiciliato presso lo stesso nucleo, dichiarazione sostitutiva di parentela
  • padri nei primi 6 mesi di nascita/inserimento in famiglia dei figli:
    • autocertificazione nascita figlio oppure certificato di gravidanza
  • esigenze di cura e assistenza a figli minori:
    • autocertificazione nascita figlio (oppure dichiarazione ingresso minore in famiglia oppure dichiarazione di responsabilità genitoriale)
  • stato di gravidanza:
    • certificato di gravidanza.
Inizio pagina

Piano di telelavoro

Il personale interessato all’attivazione del Telelavoro, a seguito della publicazione del bando, deve presentare un Piano di Telelavoro, concordato e approvato con il proprio responsabile diretto, compilando il modulo messo a disposizione dall’Amministrazione.

Il Piano sarà validato dal Responsabile di struttura all’interno della procedura informatica predisposta.

Il Piano di Telelavoro deve indicare:

  • obiettivi generali
  • dettaglio delle attività
  • programmi informatici
  • tecnologie utilizzate (es. computer portatile, stampante, ecc)
  • fasce di contattabilità giornaliere e strumenti informatici di contattabilità (Teams, Avaya ecc.) ed in particolare da una a tre fasce di contattabilità giornaliere, di durata compresa tra le due e le quattro ore
  • rientri mensili non inferiori a quattro.
Inizio pagina

Postazione di telelavoro

Le attrezzature informatiche, comunicative e strumentali necessarie per lo svolgimento del telelavoro sono concesse in comodato d’uso gratuito per la durata del Piano di telelavoro e sono messe a disposizione, installate e collaudate a cura e a spese dell’Ateneo, sul quale gravano anche la manutenzione e la gestione di sistemi di supporto ed i relativi costi.

La verifica della rispondenza delle caratteristiche tecniche dei collegamenti telematici necessari allo svolgimento dell’attività lavorativa sono a cura dell’Ateneo, sul quale gravano anche le spese di gestione e di manutenzione.

Interruzioni del collegamento di rete o eventuali guasti alle apparecchiature in dotazione, non imputabili al personale, sono a carico dell’Ateneo che provvede ad intervenire perché il guasto sia riparato.

Inizio pagina

Obblighi del telelavoratore

Il personale in telelavoro è tenuto ad utilizzare con diligenza la postazione di lavoro nel rispetto delle norme di sicurezza vigenti, a non manomettere gli impianti e a non consentire ad altri il loro utilizzo.

Le dotazioni tecnologiche affidate al personale devono essere utilizzate esclusivamente per le attività inerenti al rapporto di lavoro; il/la dipendente si impegna a utilizzare tali dotazioni con adeguata cura.

Il/la dipendente, avvisato/a con adeguato preavviso, è tenuto/a ad autorizzare l'Ateneo ad accedere al proprio domicilio oltre che per l'allestimento delle tecnologie e i sistemi di supporto, anche per gli interventi necessari al fine di garantire adeguati livelli di sicurezza delle comunicazioni tra la postazione di telelavoro ed il sistema informativo dell'Ateneo.

Inizio pagina

Facoltà di recesso dal telelavoro

L’attività lavorativa in telelavoro si basa sulla volontarietà e sulla reversibilità del Piano di Telelavoro approvato.

L’assegnazione del telelavoro è revocabile:

  • per grave mancanza in relazione agli obblighi del personale stabiliti nel Protocollo di Intesa e dal Piano di Telelavoro concordato con il/la responsabile, sulla base di una valutazione dell’attività svolta  trimestralmente; in tal caso la riassegnazione alla sede di lavoro originaria deve avvenire con preavviso di almeno 30 giorni, nel caso di lavoratori/lavoratrici disabili ai sensi dell’art. 1 della legge 68/1999, il termine di preavviso del recesso da parte dell’amministrazione è di 90 giorni
  • su richiesta del/della dipendente, non prima che sia trascorso un congruo periodo di tempo, comunque non inferiore a sei mesi.

Il venir meno delle condizioni di fatto che hanno motivato l'assegnazione del telelavoro determina la conclusione del piano di telelavoro.

Inizio pagina

Iter per richiedere il Telelavoro in breve

Si riassumono brevemente i passaggi per richiedere il telelavoro:

  • verificare di essere in possesso di uno o più requisiti per l’accesso
  • verificare che la propria abitazione abbia i requisiti previsti
  • concordare il Piano di Telelavoro con il responsabile
  • partecipare al bando e inoltrare la domanda allegando il Piano di Telelavoro e tutta la documentazione utile per la formazione della graduatoria e per la verifica dei requisiti.
Inizio pagina

Telelavoro: domande e risposte

Domande e risposte - FAQ Telelavoro

Domande e risposte - FAQ Telelavoro

Inizio pagina

VPN - Accesso da remoto

Tutte le informazioni tecniche per l'accesso alle risorse informatiche da remoto sono disponibili alla pagina VPN - Accesso da Remoto