Linea 3 - Bando Straordinario per Progetti Interdipartimentali Bando SEED 2019

Introduzione

L’Università degli Studi di Milano, nell’ambito del Piano di Sostegno alla Ricerca (PSR) 2019 e al fine di sostenere le migliori proposte di ricerca e favorire la crescita della comunità scientifica dell’Ateneo, destina un milione di euro, proveniente dai fondi derivanti dal 5 per mille, ad un bando competitivo e sperimentale denominato “Linea 3 - Bando Straordinario per Progetti Interdipartimentali (Bando SEED 2019)”.

L’identificazione di talenti, come insieme di competenze, esperienze e conoscenze, all’interno di una organizzazione caratterizzata da multidisciplinarietà rappresenta una sfida da affrontare con modalità di tipo sperimentale, adottando strategie da sottoporre a stretta valutazione ex post che assicurino il raggiungimento delle finalità prefissate.

In questa linea di pensiero, l’Università degli Studi di Milano promuove il Bando Straordinario per Progetti Interdipartimentali (Bando SEED) per finanziare progetti di ricerca innovativa e al fine di favorire:

  • l’inventività individuale e la sinergia fra diverse aree disciplinari;
  • la collaborazione tra i Dipartimenti;
  • la nascita, crescita e sviluppo di nuove idee;
  • l'identificazione e promozione di talenti e idee innovative;
  • la crescita di nuovi/e ricercatori/ricercatrici; 
  • l'implementazione di capacità interne di autovalutazione indipendenti e mirate al riconoscimento premiale del valore scientifico, per una politica responsabile, agile e competente della valorizzazione della ricerca.

Scopo finale del Bando SEED è far emergere le ipotesi di lavoro più originali e ambiziose, e l'aggregazione sinergica di competenze diverse, promuovendo il consolidamento di idee progettuali trasversali e interdisciplinari che possano poi essere presentate con successo in bandi nazionali e sovranazionali. 

Le proposte progettuali dovranno:

  • essere interdipartimentali (minimo 2 Dipartimenti dell’Università degli Studi di Milano);
  • avere minimo due Proponenti (1 per ciascun Dipartimento), di cui uno Principal Investigator (PI) e uno Capo Unità Dipartimentale (CUD);
  • avere almeno un RTD (A o B) con ruolo di PI o CUD;
  • essere originali, ambiziose e altamente innovative (anche ad alto rischio e per questo non dovranno essere oggetto di finanziamento pregresso o attivo);
  • vertere su qualsiasi tematica e qualsiasi disciplina (bottom-up approach);
  • essere coerenti con le regole di ammissibilità dei costi e contenere tutte le informazioni richieste dai template online appositamente preparati per la redazione delle proposte e relativi allegati;
  • avere durata annuale;
  • essere coerenti con le policy e con tutti i regolamenti di Ateneo. 
Inizio pagina

Caratteristiche dei progetti ammissibili

Potranno essere presentati progetti di ricerca in partenariato tra minimo due Dipartimenti dell’Università degli Studi di Milano su qualsiasi tematica e di durata annuale.

Saranno ammissibili:

  • progetti di ricerca non ancora finanziati;
  • progetti di ricerca con finalità ambiziosa e innovativa (anche ad alto rischio);
  • nuovi progetti di ricerca di collaborazione inter e transdisciplinare finalizzati a creare nuove sinergie.

Ogni progetto dovrà essere organizzato in Unità Dipartimentali (U.D.) e coinvolgere almeno due strutturati di due Dipartimenti diversi, fra i quali dovrà essere individuato:

  • un Principal Investigator (PI) (U.D.1) responsabile dell’invio della Proposta progettuale e referente per tutte le comunicazioni e rendicontazioni a riguardo;
  • uno (o più) Capi Unità Dipartimentali (CUD2, CUD.3….).

In ogni progetto dovrà essere presente almeno un Ricercatore a Tempo Determinato (Lettera A o Lettera B) in qualità di Principal Investigator (PI) o di Capo Unità Dipartimentale (CUD).

Inizio pagina

PI e CUD

Possono presentare progetti come Principal Investigator (PI) e Capi Unità Dipartimentali (CUD):

  • Ricercatori a Tempo Determinato Lettera A (RTD A) dell’Università degli Studi di Milano;
  • Ricercatori a Tempo Determinato Lettera B (RTD B) dell’Università degli Studi di Milano;
  • Ricercatori (RU) dell’Università degli Studi di Milano;
  • Professori Associati (PA Junior) dell’Università degli Studi di Milano con meno di 3 anni di anzianità nel ruolo di Professore Associato alla scadenza del Bando (ai fini del calcolo dell’anzianità nel ruolo farà fede la data di presa servizio come Professore Associato in una qualsiasi università italiana).

Nel caso in cui il PI abbia un contratto che termini (per scadenza o quiescenza) prima di 18 mesi dalla scadenza del Bando, nel team del progetto dovrà essere presente uno strutturato competente, con analoghe caratteristiche di ammissibilità del PI (quindi RTD A, RTD B, RU, PA Junior), che possa eventualmente sostituirlo portando a termine il progetto.

Inizio pagina

Tempistiche

Il Bando SEED sarà aperto dal 31 maggio 2019 al 22 luglio 2019 ore 15:00.

Inizio pagina

Modalità di presentazione delle domande

La presentazione dei progetti avviene esclusivamente per via telematica attraverso la compilazione della modulistica online e il caricamento degli allegati obbligatori (i.e. curricula in pdf del PI e dei CUD esclusivamente nel formato previsto dal Bando SEED).

Sarà possibile accedere alla piattaforma online riservata attraverso la pagina web di ateneo dedicata e accessibile dal seguente link:

https://apps.unimi.it/web/bandoSEED2019/

La procedura informatica per l’invio delle proposte sarà aperta dal 7 giugno 2019 fino alla data di scadenza del Bando SEED (22 luglio 2019 ore 15.00).

Il PI del Progetto potrà accedere all’area riservata con login e password personali di posta elettronica di Ateneo, utilizzate normalmente per accedere anche agli altri servizi online dell’Ateneo.

  • Una volta effettuato l’accesso all’area riservata sarà necessario compilare in tutte le sue parti la modulistica e allegare i curricula in pdf di PI e CUD utilizzando esclusivamente il modulo previsto (Allegato 2 al Bando SEED)
  • La compilazione del progetto potrà avvenire anche in più sessioni di lavoro
  • Sarà possibile compilare e salvare di volta in volta il lavoro svolto online sino alla chiusura (che prevede anche il caricamento dei curricula obbligatori in pdf e invio definitivo), da concludere entro e non oltre la data di scadenza del Bando SEED.

Successivamente alla data del 22 luglio 2019 ore 15:00 non sarà più possibile compilare o inviare documenti.

I progetti potranno essere compilati interamente in lingua italiana oppure interamente in lingua inglese.

Inizio pagina

Seminario di presentazione del Bando SEED

Seminario di presentazione del Bando Straordinario per Progetti Interdipartimentali
(Bando SEED - Linea 3 del Piano di Sostegno alla Ricerca - PSR) - 2 luglio 2019

  • SLIDE (a cura della Direzione Ricerca)
  • SLIDE (a cura della Prorettrice, Prof.ssa Abbracchio)

 

 

Inizio pagina

FAQ

FAQ aggiornate al 10 luglio 2019

Inizio pagina

Contatti

Per ulteriori informazioni sul Bando SEED e sul Seminario:

Settore Progettazione della Ricerca – Direzione Servizi per la Ricerca

Inizio pagina