Emergenza Coronavirus: tutte le informazioni per il personale tecnico, amministrativo e bibliotecario

Il servizio Antivirus per la posta elettronica

Descrizione del servizio

Uno dei modi più comuni con cui un computer collegato in rete può essere colpito da virus è l'apertura di un documento infetto, ricevuto tramite posta elettronica.
Per evitare che ciò avvenga, sul server di posta dell'Ateneo è attiva la funzionalità di filtro antivirus. Il controllo viene effettuato su tutte le mail (e relativi allegati, se presenti) in transito e si basa su filtri aggiornati dal produttore del software, in media, una volta all'ora.

Il servizio, per definizione, non può garantire una copertura totale per ogni tipo di attacco virale: può succedere che la velocità di propagazione di un nuovo virus sia tale da colpire le mail in transito prima che giunga, sul server, l'aggiornamento del software che contempli il blocco del nuovo tipo di attacco.

Per informazioni più dettagliate sulla sicurezza informatica e la tutela dei dati personali consultate con attenzione le pagine del portale dedicate ai Regolamenti e linee guida, nella sezione Sicurezza informatica e protezione dei dati personali.

Come norma di carattere generale, si consiglia di prestare la massima attenzione alle e-mail provenienti da sconosciuti e/o con Soggetti (Subject) inattesi: in questi casi, evitate di aprire eventuali allegati presenti, oppure, se il mittente e l'allegato vi paiono affidabili, salvate sul computer il file e fatene una scansione con un antivirus aggiornato prima di aprirlo.