Faq posta elettronica

1. Servizio di posta elettronica

1.1. Chi ha diritto ad una casella nel dominio unimi.it?
Consultare la seguente pagina.

1.2. Quali sono i parametri per la configurazione di una casella di posta elettronica di Ateneo?
Per avere tutti i dettagli sulle possibili configurazioni offerte dal sistema di posta elettronica di Ateneo si consulti la seguente pagina.

1.3. Quali sono le caratteristiche del servizio?
Consultare la seguente pagina.

1.4. Ho perso alcuni messaggi di posta elettronica (per problemi al mio PC); è possibile recuperarli?
Il servizio di recupero dei messaggi non è offerto.

1.5. Ho la casella di posta quasi piena e vorrei scaricare parte dei messaggi su un computer, per esempio quelli più vecchi (inviati e ricevuti), per liberare spazio-disco sul server. Come fare?
Per trasferire "fisicamente" le e-mail in "locale" (su un computer) agire nel modo seguente col proprio client.
Dopo aver configurato l'account con protocollo IMAP (IMAP SERVER: mailserver.unimi.it):

  • aprire la cartella, ad esempio quella dei messaggi inviati
  • selezionare col tasto destro del mouse il messaggio o i messaggi da spostare
  • si apre un menu a tendina: scegliere "Sposta nella cartella..."
  • viene visualizzata una finestra con la possibilità di scegliere dove trasferire il messaggio (messaggi)
  • scegliere tra le "cartelle locali", ad esempio, "Posta inviata": a questo punto col tasto OK . Si trasferisce, di fatto fisicamente, il messaggio dal server al computer, nella cartella "locale" (nella cartella di origine sul server verrà "coperto" da una linea di cancellazione)
  • spostati tutti i messaggi, si può cancellarli definitivamente dal server usando il tasto "Elimina" / "Purge": si rende effettiva la cancellazione effettuata via IMAP.

I messaggi, eliminati dal server, vengono in questo modo archiviati nella cartella locale del computer.

Procedura in formato pdf

2. Il webmail di Ateneo

2.1. Non riesco ad accedere al webmail con il mio smartphone. E' possibile fare qualcosa?
L'utilizzo del webmail su uno smartphone (basato su iOS, Android o qualsiasi altro sistema operativo per dispositivi mobili) non è supportato. Vale lo stesso discorso nel caso di utilizzo di iPad.
Sui dispositivi mobili la casella va gestita con app specifiche per la posta elettronica.

2.2 Vorrei gestire la mia casella personale e quella di ufficio, via webmail come posso fare?
Ogni volta che bisogna passare da una casella all'altra è necessario effettuare il log-out e riautenticarsi nell'altra casella; si consiglia di utilizzare due browser distinti (per esempio: Firefox e Chrome).
Per effettuare una disconnessione corretta dal primo account, si clicca sul comando "Disconnetti", posto in alto a destra, e quindi su "Abbandona questa pagina".
Se si effettua un logout non corretto (tipicamente, chiudendo direttamente il browser o la scheda del browser in cui è caricato il webmail), il browser stesso mantiene in memoria i dati dell'autenticazione precedente: il risultato è che, al tentativo successivo di accesso, il browser non ripropone la schermata di inserimento delle credenziali, ma fa accedere nuovamente, e senza più mediazioni, alla prima casella.

2.3 Vorrei accedere a Start Web e a una casella d'ufficio nello stesso momento, come posso fare?
E' necessario usare due browser distinti (per esempio: Firefox e Chrome).  Questo perche', usando un solo browser, autenticandosi al webmail, automaticamente si ha accesso diretto a tutti gli altri servizi on line del portale, senza dover reinserire le proprie credenziali. Viceversa, autenticandosi ad uno dei servizi di portale (ad esempio StartWeb), l’accesso alla propria casella di posta attraverso il webmail è immediato, senza doversi autenticare nuovamente. Essendo quindi autenticati con le proprie credenziali sullo Start Web non è possibile, nell'ambito della stessa sessione del browser, accedere ad un'altra casella di posta. 
Da notare che, se si hanno più sessioni aperte sullo stesso browser (webmail, cedolini, presenze, ..), la disconnessione, o logout, da una di queste applicazioni comporta la disconnessione anche da tutte le altre.

3. Il Servizio Antispam di Ateneo

3.1. A chi viene fornito il servizio?
A tutti gli indirizzi registrati nei domini unimi.it, guest.unimi.it e studenti.unimi.it.

3.2. Come funziona il servizio e quali sono le sue caratteristiche?
Consultare la seguente pagina.

3.3. Ho ricevuto messaggi di posta elettronica che ritengo falsi, come devo comportarmi?
Consultare con attenzione le pagine del portale dedicate alle problematiche di sicurezza informatica, in particolare le Istruzioni pratiche per proteggersi dal phishing ed evitare la sottrazione di dati riservati e personali.

3.4. Come mai ricevo messaggi di spam e di phishing, nonostante il servizio di posta sia protetto da un antispam?
Il servizio antispam di Ateneo, come qualsiasi altro servizio simile posto a protezione di un servizio di posta, è efficace ed efficiente quando l'invio di spam è basato su tecniche di attacco che sono note. L'aggiornamento di questi sistemi avviene ad intervalli di pochi minuti e fanno leva su informazioni raccolte dai principali database mondiali che si occupano di spam.

Nonostante l'aggiornamento del sistema sia costante e molto frequente, lascia comunque un margine sufficiente perché nuove forme di spam si presentino ai nostri server, che possono trovarsi impreparati. I messaggi di spam e di phishing raggiungono così le nostre caselle.

Quando ciò capita, consigliamo di inoltrare queste email come allegato a spam@unimi.it. Questo consentirà al nostro servizio di migliorare le proprie difese anche grazie anche alle segnalazioni degli utenti.

Quando capita in caso inverso, ovvero che un messaggio “pulito” finisca erroneamente nella casella SPAM, consigliamo di inoltrare tale messaggio, sempre come allegato, a notspam@unimi.it. Anche questo tipo di informazione è in grado migliorare il servizio, poiché il sistema è capace di adeguarsi, mettendosi nelle condizioni di non ripetere l'errore.